Chrome 70 abiliterà sui dispositivi Android e macOS l’accesso ai siti Web attraverso le impronte digitali, tutti i dispositivi che dispongono di un Fingerprint o Touch ID potranno sfruttare questa nuova feature.

LEGGI ANCHE: Razer Phone 2 sarà svelato il 10 ottobre

Con Web Bluetooth i siti possono comunicare con i dispositivi vicini in modo sicuro, funzione che è stata già abilitata su dispositivi compatibili su cui gira Windows 10, Android, Chrome OS e macOS. Linux e versioni precedenti a Windows 10 invece dovranno abilitare tale funzione recandovi tramite questa flag:

chrome://flags/#enable-experimental-web-platform-features

Chrome 70 non si ferma a questo ma anzi consentirà agli sviluppatori di utilizzare con delle API al suo interno il rilevamento di forme, volti, codici a barre e testo nelle immagini presenti nel Web. Le API dedicate a tali scopi sono l’API Face Detection che basa il suo algoritmo sulla scansione di occhi, naso e bocche, mentre API Barcode Detection ha il compito di decodificare i codici QR in stringhe. Presente inoltre anche un API Texet Detection che può cercare il testo latino nelle immagini.

Chrome

Le novità non sono solo queste ma anche la privacy è stata oggetto di miglioramento, ora nella barra degli indirizzi potremmo notare un avviso «Non Protetto» e un’icona rossa quando gli utenti metteranno email e password o altri dati su qualsiasi sito HTTP questo perché il browser cataloga i siti HTTP come poco sicuri in favore dei più sicuro HTTPS. In caso ci stessimo trovando a tutto schermo Chrome uscirà da tale modalità quando compariranno delle finestre di dialogo, inclusi selettori di file e richieste di autenticazione o pagamento. Questa features è stata introdotta per mettere a proprio agio l’utente nel momento nel momento della compilazione di campi di testo o di presa in visione di pop-up importanti.

Chrome

Non solo sicurezza ma anche miglioramenti delle prestazioni con il nuovo codec video AV1 Video Decoder che migliora l’efficienza di compressione del 30% rispetto al VP9. Tale codec sarà possibile sfruttarlo solo su macchine Windows, Chrome OS, macOS e Linux.

SOURCE9togoogle.com
Scrivere la biografia è la cosa che mi spaventa di più, ma proviamoci. Sono un viaggiatore incallito appena ho un momento prendo e scappo via, porto sempre con me una fotocamera e una lente super wide magari anche fish-eye. Quando vedete il mio nome significa che si sta parlando di wearable, fotografia, Linux o di tastiere meccaniche, che acquisto in maniera compulsiva. Profondo sostenitore che i switch migliori non esistono vago per il web alla ricerca di nuovi mondi inesplorati [click].