L’accesso mobile ad applicazioni e dati mission-critical consente alle aziende di ottimizzare i processi e migliorare l’efficienza dei dipendenti. E poiché gli smartphone sono diventati strumenti di business indispensabili, le imprese tendono a gestirli come flotta per garantire un elevato livello di sicurezza IT. Non sorprende, pertanto, che le soluzioni di Enterprise Mobility Management (EMM) continuino a rivestire un ruolo sempre più importante.

A partire da Android 5.0, Google ha introdotto un nuovo framework denominato Android for Work – trasformato successivamente in Android Enterprise – per la gestione integrata. Android Enterprise offre un set di API di gestione per un ampio ventaglio di casi d’uso, assicurando un approccio basato su piattaforma, nonché un sistema moderno e sicuro per la distribuzione delle applicazioni tramite Google Play.

LEGGI ANCHE HUAWEI presenta il nuovo P Smart 2019

 

Ora che Android Enterprise è in grado di gestire la maggior parte dei casi di utilizzo aziendali, Google sta abbandonando progressivamente l’API Device Admin, a cui molte organizzazioni si sono affidate per gestire i dispositivi Android meno recenti.

In Android 9, le API per l’attivazione della password, la disattivazione di fotocamera e le funzionalità di sblocco saranno contrassegnate come deprecate e cioè, in fase di abbandono. Con la prossima versione di Android nel 2019 infatti, queste e tutte le altre API Device Admin legacy non saranno più disponibili.

Risultati immagini per android enterprise recommended

È possibile scegliere qualsiasi smartphone Nokia all’interno della gamma Android Enterprise Recommended e usufruire anche della registrazione zero-touch, che consente all’IT di configurare con maggiore facilità gli smartphone, potenzialmente aumentando il numero di dipendenti dotati di device aziendale.

Optando per una flotta di smartphone Nokia Android One Android Enterprise Recommended, i dispositivi aziendali godono di patch mensili per tre anni dalla data di lancio sul mercato, oltre agli aggiornamenti del sistema operativo che HMD Global offre ai propri clienti per due anni.

“L’imminente abbandono delle API Device Admin Android tradizionali rappresenta un buon motivo per cominciare a rinnovare la flotta di smartphone e migrare all’ultima generazione di smartphone Android”, dichiara Andrej Sonkin, General Manager Enterprise Business di HMD Global. “Prendiamo molto seriamente la questione della sicurezza perché consente ai clienti di tenere traccia delle date di rilascio di nuove patch e del loro contenuto, nonché di avere la certezza che gli smartphone Nokia sono conformi ai requisiti del programma Android Enterprise Recommended”.

Un’ampia gamma di smartphone Nokia Android Enterprise Recommended HMD Global offre la flotta di smartphone Android Enterprise Recommended più completa del mercato: