Il potere del Cloud. Oggi vorrei condividere i miei pensieri, nella nostra ormai consueta chiacchierata serale, riguardo uno dei temi che più di tutti è stato in grado di cambiare l’apporccio di noi utenti nei confronti della memoria dei nostri dispositivi. Scopriamo insieme il perchè di tanta importanza nelle righe a seguire.

Alla riscoperta del cloud storage!

Nella prima grande fase di espansione dei dispositivi mobili, la memoria interna di acrchiviazione non era un fattore così discriminate al momento dell’acquisto. Basti pensare ad Apple ed ai suoi modelli 8GB non espandibili. Esatto perchè le necessità degli utenti non erano ancora, come invece lo sono tutt’ora, incentrate sulla produttività mobile e sull’aspetto fotografico-condivisione sui social. La memoria veniva riempita per lo più da applicazioni di svago o produttività lieve, anche per via delle limitate capacità di elaborazione, con conseguente disinteresse nello spazio totale a disposizione.

LEGGI ANCHE:NVIDIA dà un assaggio della tecnologia Ray Tracing grazie a tre demo

Ma con il passare degli anni, e con il costante aumento delle capacità fotografiche, la memoria è diventata un aspetto predominante. Tanto in fase d’acquisto quanto in fase di gestione del proprio device nel tempo. Ed è qui che entra in gioco il Cloud. Con molti device non dotati di espandibilità della memoria base, avere una via per poter comunque ampliare le potenzialità di immagazzinamento è stata una mossa vincente.

Il cloud: fonte di guadagno per i colossi Tech

Tutte le maggiori aziende tech si sono lanciate nel settore. Google,Samsung, Apple, Microsoft ed anche Amazon, tutti hanno portato la loro visione di cloud storage online. Con la possibilità di avere sempre a disposizione su di un supporto online foto, documenti, note o comunque tutti quei file non strettamente necessari sul device, ma comunque scaricabili in ogni istante.

LEGGI ANCHE:Apple per l’ambiente

Così facendo gli utenti sono stati in grado di poter gestire la loro memoria interna fisica con maggior libertà, senza dover per forza optare per le soluzioni con capacità maggiorata che vengono sempre sovrapprezzate dai produttori. Ma tutto questo ha un costo? Nella maggior parte dei casi i servizi in cloud vengono offerti con possibilità di vari pacchetti. Pacchetto base, con upload limitati per esempio per quanto riguarda la quantità o la qualità, oppure pacchetti a pagamento, a differenza del quantitativo dei memoria messo a disposizione.

Le soluzioni Cloud sono sicure?

Ma la soluzione dunque rappresenta solo aspetti positivi? Come ogni cosa certamente no. Da un lato si può annoverare la necessità di aver costante bisogno di una connessione dati, con anche qualità richiesta di un certo livello, per poter prelevare i file al momento del bisogno. Anche la privacy potrebbe essere un elemento da considerare, tenendo in conto che tutti i propri documenti sul cloud risiedono comunque su server internet eventualmente attaccabili.

LEGGI ANCHE:Honor | Promozioni di Aprile per Honor 9 Lite

Penso comunque di vedere nel Cloud più possibilità che criticità. Un servizio, di qualunque compagnia venga preso in esame, comodo, pratico e veloce. Una innovazione più silenziosa di altre, ma in grado di cambiare veramente l’usabilità dei dispositivi. Un servizio ancora fin troppo poco conosciuto, secondo il mio parere.

E voi? Cosa ne pensate? Utilizzate qualche servizio cloud? Per quali servizi? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti

Penso di amare gli smartphone in maniera incondizionata: sono il settore tech che ancora oggi è più in grado di affascinarmi ed appasionarmi. Sin dal mio primo dispositivo smart (il mitico LG Optimus ONE) passando per tutte le varie prove che ora mi portano a testare il maggior numero di cellulari posibili, il mio amore non è mai diminuito. ANZI! Ora questa mia grande passione si sta trasformando in qualcosa di più con Spazio iTech, dove ho la fortuna con recensioni, articoli ed attività social , di raccontarvi il mio punto di vista sul mondo tech!