In occasione dell’edizione 2018 della “OPPO Technology Exhibition” di Shenzhen, Tony Chen, Fondatore e CEO di OPPO, ha annunciato svariate novità, tra cui la scelta di elevare a 1,27 miliardi di Euro (all’incirca 1,43 miliardi di USD) la spesa dedicata alla Ricerca e allo Sviluppo.

Al tempo stesso, OPPO utilizzerà l’intelligenza artificiale per sviluppare svariati dispositivi smart, tra cui smartwatch e soluzioni abitative intelligenti, e per analizzare e rispondere alle richieste sempre più rigorose dei consumatori nell’era dell’Internet of Things (IoT).

Tony Chen, Fondatore e CEO di OPPO, durante il suo discorso alla sessione dedicata all’intelligenza artificiale della “OPPO Technology Exhibition” 2018

 Novità lato 5G

Essendo una società attiva nel settore tecnologico, OPPO ha il compito di concentrarsi incessantemente sullo sviluppo di innovazioni pionieristiche come il 5G. “Il 5G è una tendenza che OPPO deve accogliere con entusiasmo. Oltre a battersi per essere la prima società produttrice di smartphone 5G, OPPO deve dedicarsi all’analisi delle opportunità di applicazione di questa tecnologia nell’era del 5G+. Saranno queste possibilità, in ultima istanza, a determinare il valore del 5G stesso”, ha sottolineato Tony Chen.

5g

“OPPO integrerà il 5G con le applicazioni e con le opinioni degli utenti, continuando a promuovere l’innovazione per assicurare ai consumatori delle esperienze rivoluzionarie, indispensabili, pratiche e incredibilmente fluide.”

 

LEGGI ANCHE Olympus OM-D E-M1X la mirrorless sbarca nella fotografia sportiva

Intelligenza artificiale e 5G

OPPO ha applicato le tecnologie dell’intelligenza artificiale a svariati campi, tra cui la fotografia, il riconoscimento facciale e l’identificazione delle impronte digitali, e ha introdotto innumerevoli funzionalità innovative, come ad esempio la fotocamera con modalità Abbellimento potenziata da intelligenza artificiale, l’illuminazione ritratti in 3D e gli scenari a riconoscimento intelligente.

“In futuro, gli smartphone si trasformeranno in assistenti personali intelligenti e, sicuramente, OPPO darà il suo contributo”, ha proseguito Chen. “Lo smartphone è uno dei supporti migliori per l’intelligenza artificiale, ma si può ancora migliorare. OPPO intende accogliere in maniera attiva l’intelligenza artificiale, concentrando la sua attenzione e le sue risorse su tecnologie e applicazioni rivoluzionarie fondate su questa innovazione.”

Seguo la tecnologia fin da bambino, ho continuato questa mia passione tramite gli studi di ingegneria. Il settore che amo di più è quello mobile, ma ho una grande passione per il gaming PC. Lo smartphone che preferisco utilizzare è il Google Pixel, quando si prova l'esperienza utente pura di Google è difficile tornare indietro. Campo che sto cominciando ad inseguire ed approfondire è il settore delle reti e delle comunicazioni, mi affascina per la velocità di evoluzione e tutte le potenzialità che ha ancora inespresse.