Ancora una volta si parla di Millennial, generazione nata tra gli inizi degli anni ’80 e la metà degli anni ’90, in questo caso per quanto riguarda il settore Food e Grocery. I giovani stanno infatti ridefinendo abitudini e consumi sia per quanto riguarda la spesa nei supermercati sia per quanto riguarda i loro acquisti, puntando verso una direzione più smart e tecnologica.

LEGGI ANCHE BenQ PhotoVue Competition | Nuovo contest fotografico

A riprova di tutto ciò abbiamo innanzitutto il successo di una startup tutta italiana, dedicata alla produzione di video ricette “per Millennial”, diffuse, naturalmente, sul web. Il secondo fattore che testimonia questo sviluppo è l’incremento sempre maggiore, e soprattutto costante, di giovani che preferiscono fare la spesa online tramite siti web dei supermercati. A questo, si aggiunge infine l’enorme successo del food delivery, un nuovo settore che non solo ha prodotto migliaia di posti di lavoro, ma permette anche ai ragazzi di avere sempre il loro piatto preferito a loro disposizione.

Il successo di Chef in Camicia

 

Nata nel 2015 dalle menti di tre amici, Chef in Camicia è una startup italiana dedicata alla produzione di video ricette. La peculiarità? La comunicazione che ben si adatta a uno stile giovanile, simpatico e alla mano.

Grazie all’aumento di capitale a 1,2 milioni di euro e all’ampliamento dell’offerta, la startup è diventata da poco una media company. Un successo, questo, che non può che confermare l’idea che anche i giovani siano amanti del cibo e dell’entertainment legato al mondo della cucina. Sono infatti in arrivo sia un programma televisivo, sia una piattaforma di e-learning dedicata a nuove video ricette che prevederà anche la presenza di numerosi ospiti, tutti giovani nomi della cucina italiana. Tra le novità, ci sarà anche l’uscita del libro Chef in Camicia, la versione cartacea dei loro video più visti e più apprezzati.La startup ha quindi saputo cogliere al meglio il cambio di paradigma e di approccio al settore food, adattandolo perfettamente alle nuove tecnologie e alla generazione di nativi digitali.

E per gli ingredienti? La spesa si fa online

Tra tutti i metodi per fare la spesa, quello preferito dai Millennial è sicuramente farsi portare la spesa a casa ordinando dai siti dei supermercati che, come EasyCoop, permettono di farsela consegnare proprio di fronte alla porta di casa quando si vuole. Questo almeno secondo i dati forniti dal report Millennials:DAI!, che afferma come negli ultimi anni ben il 66% dei giovani ha utilizzato e-commerce con la consegna a domicilio proprio per una questione di comodità, scegliendo per altro acquisti di minor portata ma più frequenti rispetto a quelli tipici della generazione precedente. La generazione Y, quindi, alla maxi-spesa del sabato pomeriggio con la macchina piena di prodotti preferisce acquisti più piccoli e semplici.

Per i più pigri, gli ordini a domicilio

C’è chi, tra una riunione di lavoro e una lezione in università, fatica proprio a trovare il tempo per cucinare. È proprio questo stile di vita sempre più frenetico che ha portato al successo del food delivery, un trend in continua crescita che ha invaso le strade della stragrande maggioranza delle città italiane. Si stima infatti che il 93% dei centri che superano i 50 mila abitanti abbia servizi di consegna a domicilio. Quindi, che tu abbia voglia di un hamburger, una pizza, un gelato o di quel piatto buonissimo del ristorante in centro, lo potrai comodamente ordinare dall’app che preferisci, spesso presente sia nella versione apple che android, e fartelo consegnare a casa in tempi brevi.

Anche il settore food è quindi dovuto cambiare per adattarsi allo stile di vita frenetico e smart della nuova generazione.