Fra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare: un proverbio che ben si adatta anche alle connessioni Internet. Quando si parla di velocità, infatti, le prestazioni dichiarate dai provider non sempre corrispondono a quelle effettive, con una velocità reale di navigazione solitamente più bassa. Questo complica la fase scelta di una buona connessione ADSL, cosa bisogna valutare quindi? Non basta puntare solo sul prezzo competitivo: è necessario valutare più fattori per evitare problemi in seguito, vediamo quali sono.

L’importanza della copertura

Il primo step fondamentale consiste nel verificare la copertura: non tutti gli operatori coprono allo stesso modo le varie aree geografiche d’Italia, dunque si tratta di un passaggio chiave per capire l’effettiva disponibilità di un’offerta. Per fortuna non è affatto un’operazione complessa: basta mettersi in contatto con il servizio di assistenza clienti del provider scelto e chiedere informazioni a riguardo, oppure visitare il sito web e fare una ricerca mirata.

Verificare la velocità effettiva

È sempre consigliabile verificare la velocità effettiva della propria connessione, per capire a quanto ammonta lo scarto e se vale la pena cambiare operatore. Anche in questo caso si tratta di un’operazione dalla difficoltà minima: è infatti sufficiente fare il test della velocità Internet per misurare l’ADSL su Facile.it e valutare le diverse prestazioni della connessione sia in fase di download che in fase di upload.

Confrontare il tipo di tariffa

Ogni utente ha le sue esigenze in quanto a navigazione, che variano da caso a caso, e uno step da non sottovalutare è quindi quello relativo al tipo di tariffa. Le opzioni disponibili sono sostanzialmente due: flat e a consumo; la prima è ideale per chi si connette spesso e necessita di velocità molto elevate, mentre la seconda è pensata per chi usa Internet sporadicamente e senza troppe pretese riguardo alle prestazioni.

Fare sempre attenzione alle voci nascoste

adsl
Connessione internet

Mai attivare un’offerta ADSL senza aver prima letto con attenzione il contratto: per evitare spiacevoli sorprese è sempre bene controllare e leggere tutte le clausole. Alcune voci potrebbero infatti aumentare il prezzo complessivo dell’abbonamento, ad esempio il tempo minimo di permanenza, i device in comodato d’uso come il modem e il costo previsto per l’installazione e l’attivazione dei servizi.

In conclusione, la scelta di una connessione ADSL compatibile al 100% con le proprie esigenze richiede quindi grande attenzione: solo così si potrà sottoscrivere un contratto che soddisfi davvero le aspettative e non avere delusioni dopo l’attivazione.