FRITZ!Box è una delle aziende che più mi piace sul panorama tech, router, rete. Ho avuto il piacere di poter parlare tanto volte con l’azienda, sopratutto durante le fiere e il calore e la passione messo da AVM è sempre di altissimo livello.

Conclusa la mia full immersion in quel di Berlino ho deciso finalmente di cambiare il mio ormai “vecchio” 7490 con un modello molto più performante e che mi permettesse di togliere l’orrendo quanto scomodo router fibra Telecom. La scelta è ricaduta sul nuovo e fiammante Fritz!Box 7590 che fa parte di tutta quella famiglia Fritz appena presentata. Cambia design e tecnologia con un boost non da poco di potenza e solidità.

La prima configurazione

La missione è sostituire il mio “castello” di router tra telecom fibra e il Fritz 7490, operazione che mi metteva non poca ansia, specialmente perché non volevo perdere ore e ore dietro a parametri di configurazione e noiosissimi forum. Tanta paura per niente è stato più difficile a dirsi che a farsi. Ma andiamo con ordine il procedimento che ho seguito è stato questo:

  1.  Tolto il vecchio router
  2. Attaccato il nuovo 7590
  3. Aspettato che i led segnalassero l’allineamento con la mia rete
  4. Mi sono collegato alla pagina Fritz.Box
  5. Inserito password (presente sul fondo del router)
  6. Seguito il wizard di configurazione
  7. Scelta da una lista il gestore ed il piano (Telecom Fibra)
  8. FINITO

Si è finito così con tutti i parametri ed il router già predisposto per  navigare in rete.

Le specifiche sono veramente tante e qui vi invito a leggervi la scheda tecnica nella pagina dedicata al router. Ma vi posso dare giusto quelle più semplici come il supporto DSL fino a 300 Mbti/s, la LAN Gigabit, il supporto alla rete Mesh (fantastica la sua configurazione tramite l’interfaccia web).

La mia esperienza in questo mese di utilizzo è senza ombra di dubbio più appagante rispetto al mio vecchio 7490, la rete è più stabile e la qualità anche del segnale è migliore. Nel mio sistema ho anche un ripetitore Fritz!Wlan Repeater 310 che purtroppo fa un po’ da collo di bottiglia ma anche con questa limitazione la qualità generale è nettamente migliorata. La bellezza di togliere l’ingombrante router Telecom mi ha reso veramente contento il tutto senza dover star dietro a parametri o call center. Fritz! Si rivela sempre una garanzia e per me è ormai diventata di casa. Mi piacerebbe fare un grande applauso all’interfaccia web, che rimane secondo me una delle più complete e fatte meglio. Tramite la web UI potrete configurare tutti i parlamentari più da smanettoni e vedere lo stato della vostra connessione, potrete capire quale e in che modo i dispositivi sono collegati alla rete e volendo dare o meno priorità.

Per tutte le informazioni più dettagliate io vi rimando al loro sito web e alla pagine di riferimento del mio prodotto, vi invito a controllare molto bene la possibilità di togliere il vostro router e sopratutto a sfruttare la fortissima community che c’é dietro all’azienda tedesca che sicuramente saprà darvi una mano. Purtroppo io non sono un sistemista o un super esperto di rete e qui si ferma la mia competenza, ma vi voglio comunque rassicurare e dire che il prodotto è quanto di meglio si può desiderare per chi ha un esigenza “normale” o chi invece ha voglia di personalizzare e gestire la propria rete più nel dettaglio.

Scrivere la biografia è la cosa che mi spaventa di più, ma proviamoci. Sono un viaggiatore incallito appena ho un momento prendo e scappo via, porto sempre con me una fotocamera e una lente super wide magari anche fish-eye. Quando vedete il mio nome significa che si sta parlando di wearable, fotografia, Linux o di tastiere meccaniche, che acquisto in maniera compulsiva. Profondo sostenitore che i switch migliori non esistono vago per il web alla ricerca di nuovi mondi inesplorati [click].