Una recente domanda di brevetto presentata da Google suggerisce che il gigante della ricerca sta sperimentando una tecnologia di display pieghevole, simile ai pannelli visti su Huawei Mate X e Samsung Galaxy Fold. Il file, individuato da Patently Mobile, descrive un metodo per la costruzione di un pannello OLED che può essere piegato ripetutamente e utilizzato come smartphone.

Il brevetto continua a immaginare un possibile dispositivo pieghevole che potrebbe piegarsi in due punti diversi – un “display Z-fold” – senza rompersi, grazie a quello che suona come un numero minore di strati necessari per la costruzione dello schermo del dispositivo.

LEGGI ANCHE Google Chrome si aggiorna con qualche problema sui font

Galaxy Fold di Samsung è valutato per sopravvivere a “centinaia di migliaia” di pieghe, mentre il produttore di vetro Gorilla Corning sta sviluppando uno schermo di vetro che può essere piegato e, si spera, che sarà più resistente rispetto alle soluzioni in plastica esistenti.

 

È importante ricordare che il brevetto di Google non menziona nemmeno una volta la parola “telefono”. Invece si riferisce a come il display potrebbe essere usato dai “moderni dispositivi informatici”. Google potrebbe quindi fare riferimento a tablet o persino laptop, ma non è ancora nulla certo dato che il brevetto parla solo di display.

L’interesse di Google per gli smartphone pieghevoli si è finora concentrato sull’aspetto software del loro design. Ha aggiunto il supporto per i display pieghevoli in Android lo scorso novembre e ha anche lavorato con Samsung per garantire che Android funzionasse come sistema operativo sul Galaxy Fold. Chiaramente, i telefoni pieghevoli sono importanti per il futuro di Android e Google sembra interessato sia all’hardware che al software.