Abbiamo sentito parlare del prossimo P20 con “tripla camera” di Huawei per un po ‘di tempo e che sarà disponibile anche in tre versioni, incluso un modello Lite, che probabilmente non avrà il numeroso set di telecamere come i fratelli maggiori. Sono ora disponibili online foto di presunti prototipi di cover per il prossimo top di gamma Huawei che vanno ad incrementare la possibilità e l’idea di queste tre camere allineate in verticale.


Andiamo ora a capire quali saranno le differenze tra i vari modelli della famiglia p20. Il prototipo Plus trapelato è interessante di per sé, nonostante la “semplice” configurazione con doppia fotocamera, poiché la parte frontale mostra un ritaglio della cornice superiore nello stile notch di iPhone X. Non dimentichiamo che Huawei ha preso in giro un sistema di riconoscimento facciale 3D simile a quello di Apple non molto tempo fa, e forse vedremo la sua iterazione nei nuovi telefoni della serie P.

LEGGI ANCHE HTC “Breeze” potrebbe deludere le aspettative

Il notch qui sembra troppo stretto per ospitare tutto l’armamentario come la telecamera di profondità e il dot projector, quindi Huawei equipaggerà con molta probabilità tipi di riconoscimento facciale 2D, come sui telefoni Samsung.
I rendering delle cover sono hanno attirato la nostra attenzione, poiché provengono da varie fonti, ma tutti mostrano un’apertura verticale alta sul retro, presumibilmente dove vanno i sensori a tripla camera del P20. Ci sono anche tre pulsanti laterali per il volume e il blocco, oltre a quello che sembra un jack audio standard in alto. Non ci sono altri ritagli sul retro, quindi lo scanner delle impronte digitali probabilmente andrà in primo piano, come nella versione Plus. Per quanto riguarda il modello Lite, apparirà probabilmente con una doppia fotocamera verticale, ma con lettore d’impronte digitali posto sul retro.


Huawei dovrebbe annunciare il P20 / Plus / Lite a fine marzo, piuttosto che a MWC questo mese, quindi avremo un po’ di tempo per imparare di più sui telefoni prima che diventino ufficiali.

FONTE