Fotografi di tutto il mondo prendete tempo e andate a vedervi questa serie molto limitata di Leica prodotta per i 100 anni dalla Rivoluzione Xinhai in Cina.

LEGGI ANCHE:Vivi un esperienza full immersion grazie al nuovo monitor curvo Philips 278E9

Le fotocamere sono vendute in budle dal famoso store  leica-store-lisse con sede appunto a Lisse in Olanda dove basta fare un giro sul proprio sito per capie la vastità di materiale di cui è in possesso, specialmente di edizioni limitate. I quattro modelli di questo set chiamato China’s 1911 Revolution sono: Leica M7 – 1974 con Summilux-M 50mm f/1.4 ASPH. Leica D-Lux 5, Leica X-1 e Leica M9 – 1974. Come riporta il negozio stesso sono descritte come nuove di zecca e vengono consegnate nelle loro scatole originali. Approfondendo ancora di più la storia pare che queste fotocamere in edizione limitata sono state prodotte attraverso la partnership tra Leica e la Fondazione Cina Soong Ching Ling per commemorare i 100 anni dalla Rivoluzione Xinhai. Ma molti di so che si staranno chiedendo come mai si sono meritati un edizione commemorativa, bene, il tutto è spiegato dal semplice fatto che quella fu la rivoluizone che rovesciò l’ultima dinastia imperiale la Qing e che portò alla Repubblica Cinese. Prezzo che si aggira su 32.000 dollari e che è riferito al bundle completo.

Leica

Parlando un attimo nel dettaglio la M7 è stata prodotta dal 2002 al 2018 anno in cui è stata dismessa. La camera è di tipo a pellicola da 35mm. La M9 è una fotocamera mirrorless FF con sensore da 18 Megapixel prodotta dal 2009 al 2012 con una gamma ISO che va da 80-2500. Particolare invece la D-Lux che è una fotocamera compatta prodotta dal 2014 con obiettivo fisso da 10.9-34mm f/1.7-2.8 che equivale ad un 24-75mm. Sensore che è da 4/3 con risoluzione di 12.8 Megapixel . La sensibilità si estende in un range che va da 100-25600 ISO. L’ultima ma non per importanza è la la X-1 una prodotta dal 2009 al 2012 con sensore APS-C da 12.2 Megapixel. La sensibilità si estende in un range che va da 50-3200 ISO

SOURCEthephoblographer.com
Scrivere la biografia è a cosa che mi spaventa di più, ma proviamoci. Sono un viaggiatore incallito appena ho un momento prendo e scappo via, porto sempre con me una fotocamera e una lente super wide magari anche fish-eye. Quando vedete il mio nome significa che si sta parlando di wearable, fotografia, Linux o di tastiere meccaniche, che acquisto in maniera compulsiva. Profondo sostenitore che i switch migliori non esistono vago per il web alla ricerca di nuovi mondi inesplorati [click].