Venus Optics ha presentato ufficialmente sul mercato la sonda Macro Laowa 24mm f/14 2x, una lente che sicuramente non passerà inosservata alla maggioranza di voi.

LEGGI ANCHE: Parte il Summer RoadShow 2018 di HMD Global!

Questa lente ovviamente ha come finalità quello di portavi scatti macro di incredibile impatto. L’obiettivo ha una distanza minima di messa a fuoco di soli 20mm e il fatto che sia munita di un LED incorporato la rende peretta per catturare anche soggetti non proprio ben illuminati (insetti). La parte finale dell’obiettivo termina con un restringimento di soli 2cm il che la rende perfetta per inserirsi in fessure o piccoli varchi, come sotto scogli o piccoli spazi.

Macro

La particolarità del 24mm è che rispetto alla concorrenza può catturare una porzione di scena ben più ampia risultando – in comparazione alle lenti macro concorrenti – estremamente grandangolare. La ripresa permette di non schiacciare il soggeto ma bensì di renderlo più armonico nella scena, scena che mantiene anche un buon livello di dettagli dello sfondo. Parlando di maneggevolezza l’obiettivo pesa solo 474 grammi e quindi è estremamente portatile al pari di una lunghezza di 40cm. La messa a fuoco dell’obiettivo varia da ingrandimento macro 2:1 a infinito.

Qui di seguito potete ammirare alcune immagini scattate, e spero possiate apprezzare i dettagli e la qualità finale. Vi invito a soffermarvi sulla farfalla per capire quello che vi dicevamo poche righe sopra, potete notare come lo sfondo nella foto scattata con la lente Optics sia più gradevole e meno “estraneo”. La qualità la possiamo apprezzare specialmente osservando anche le foglie dietro al nostro soggetto principali perfettamente a fuoco e distinguibili rispetto al resto.

La Macro Probe Laowa 24mm f/14 2x sarà disponibile con attacco Canon EF, Nikon F e Sony FE e avrà un costo di 1,499 dollari con la spedizione che partirà da settembre. Ci sarà anche una versione cinema con attacco PL Arri e con il diaframma decliccato.

SOURCEpetapixel.com
Scrivere la biografia è la cosa che mi spaventa di più, ma proviamoci. Sono un viaggiatore incallito appena ho un momento prendo e scappo via, porto sempre con me una fotocamera e una lente super wide magari anche fish-eye. Quando vedete il mio nome significa che si sta parlando di wearable, fotografia, Linux o di tastiere meccaniche, che acquisto in maniera compulsiva. Profondo sostenitore che i switch migliori non esistono vago per il web alla ricerca di nuovi mondi inesplorati [click].