Articolo questo che esce dal flusso normale di notizie e rumors tech. Rimaniamo pur sempre infatti nel mondo tecnologico ma purtroppo per raccontarvi di una gestione secondo ME non corretta di un aspetto che potrebbe avere risvolti molto positivi per la vita collettiva. Sto parlando ovviamente del settore monopattini elettrici e della mobilità sostenibile che è stata “messa in ginocchio” ancora prima di iniziare. Per provare a rendere questo mondo migliore però penso che non tutto sia perduto. Continuate la lettura insieme a me e ditemi cosa ne pensate!

UN MONDO MIGLIORE

Facciamo un passo indietro. Dopo un periodo, direi incredibilmente troppo lungo, in cui le istituzioni hanno fatto di nulla in merito alla gestione normativa del mondo monopattini elettrici, si è arrivati ad un dunque. Un dunque però che ha fatto più danni che il silenzio. Vi invito alla lettura del testo completo del decreto legge, del quale non entrerò in merito completo nell’articolo odierno per esigenze di spazio sul blog, dandovi solo qualche accenno. Il punto infatti è che si è messo un forte freno alle possibilità della mobilità elettrica sostenibile, creando così un pericoloso precedente per gli investimenti futuri.

Il sogno della micromobilità elettrica non finisce QUI!

ADDIO AI MONOPATTINI ELETTRICI

Se però esiste una verità è quella che un’innovazione positiva ed accettata dalle persone non possa essere fermata dalla paura e dall’incompetenza, o impreparazione forse solo, degli addetti ai lavori. Proprio per questo infatti un movimento si è già iniziato ad attivare. Un gruppo di persone che vogliono provare, sempre rimanendo nei canoni di correttezza ed educazione, a cambiare quelle che sono delle storture ed errori. Accedendo a questo link potrete scoprire di più rispetto a quella che sembra essere un’attività positiva e simbolo di civiltà da parte del mondo tech e dei suoi utenti. Se volete entrare a far parte del cambiamento, e provare in parte a salvare il nostro mondo, non vi resta che partecipare.

QUESTO ARTICOLO RISPECCHIA IL MIO PARERE PERSONALE (MARCO) E NON E’ FRUTTO DI OBBLIGO O IDEA DELLA REDAZIONE SPAZIO ITECH. PERTANTO VI SI INVITA ALLA LETTURA A PURO SCOPO INFORMATIVO E DI DIBATTITO COSTRUTTIVO.