Come se fossimo nel popolare cartone Disney dei dalmata, partiamo oggi alla scoperta degli argomenti che compongono il 101° episodio della nostra rubrica buonasera tech. Oggi la puntata è caratterizzata da una news che avete avuto modo di leggere ed approfondire oggi stesso sul blog. Curiosi di scoprire i miei pensieri riguardanti il mondo della modularità tech?

MODULARITA’ NEL MONDO TECH

L’articolo in questione riguardava un progetto di Panasonic che vedeva la nascita di un computer dovato di modularità. La notizia mi ha particolarmente colpito e mi ha riportato alla mente i progetti legati ad altri brand che hanno provato a dire la loro in merito. Purtroppo però quelle che sembravano idee innovative che andavano ad estendere gli scenari di utilizzo per gli utenti, hanno visto la loro strada per il successo bloccata e/o abbandonata. Ma come mai questi prodotti non sono riusciti ad ottenere il riscontro sperato alla prova delle vendite?

La modularità nel settore tech, potenzialità oppure no?

IDEE VINCENTI OPPURE NO?

In questi giorni, come ben saprete, sono intento in una riprova particolare. A modo suo anche questo progetto potrebbe rientrare nel mondo della modularità. Se intendiamo infatti ogni estensione come un modulo da aggiungere ai nostri device, capiamo bene come le possibilità potrebbero essere potenzialmente infinite. Per abitudine però, e lo sto provando sula mia pelle, ci considero oramai troppo asuefatti ai design ed all’utilizzo “standard” dei dispositivi per poter concepire nuove possibilità. Siamo arrivati infatti ad un punto nel quale tutti gli utenti considerano il settore in crisi, ma non accetterebbero di buon occhio le innovazioni che constringano cambi di mentalità. Un paradosso tech, come altri ne esistono, che trova riprova nel modello Apple per esempio, attento a importare solo migliorie parziali e mai sconvolgimenti radicali.

E voi? Cosa ne pensate delle possibilità date dalla modularità? Cosa pensate della mentalità media degli utenti tech? Diteci la vostra con un bel commento qua sotto e condividete l’articolo con gli amici interessati!